Due italiani rapinano gioielleria in Romania, arrestati / Doi italieni, autorii jafului de la casa de amanet din Capitală

Recuperato il bottino per un valore di 27mila euro Due italiani hanno rapinato una gioielleria nel settore 3 di Bucarest, portando via oggetti preziosi per un valore di circa 27mila euro. Nel mai mult »

Întâlnire a preşedintelui cu studenţii români din Italia

Vizita preşedintelui Klaus Iohannis la Roma s-a încheiat duminică cu o întâlnire cu studenţi şi profesori de naţionalitate română din Italia. Şeful statului a pledat din nou în faţa celor prezenţi pentru mai mult »

Românii din Italia, cei mai generoși fața de familiile rămase acasă

Ziarul Emigrantul din Italia informează că românii din peninsulă au trimis acasă 847 de milioane de euro în 2015. 64,5 miliarde de euro au trimis în țările de origine în ultimii 10 mai mult »

Romania: ancora proteste anti-corruzione. Migliaia in piazza a Bucarest. ‘I ladri in carcere’

Neve e freddo non fermano le proteste dei romeni. „✊ NELLA NOTTE, COME DEI LADRI !!!” ANSAmed) – BUCAREST, 12 FEB – Nuove proteste ieri sera a Bucarest contro la corruzione e mai mult »

Romania, lotta alla corruzione, un magistrato: „La gente vuole un paese pulito”l

Neve e freddo non fermano le proteste dei romeni. „✊ NELLA NOTTE, COME DEI LADRI !!!” In migliaia continuano da dieci giorni a scendere in strada a Bucarest con slogan contro la mai mult »

Romania: nuove proteste, a processo presidente Senato. „COME DEI LADRI, NELLA NOTTE !!!”

 Tariceanu accusato di falsita. Migliaia sfidano freddo e neve. (ANSA) – BUCAREST, 11 FEB – Migliaia di persone sono scese in piazza per l’undicesimo giorno consecutivo, per protestare contro la corruzione dilagante mai mult »

Viva Romania !

?? Viva Romania ! ?? #Rezist la Roma, 5 februarie 2017     Similare mai mult »

Romania: proteste anticasta. Non accadeva dai tempi di Ceausescu

Decine di migliaia di persone, per il quarto giorno consecutivo, sono scese in piazza a Bucarest e in altre città della Romania per chiedere le dimissioni del governo e protestare contro il mai mult »

Gheorghe Răcaru, director general Blue Air: Limba română a devenit a doua limbă oficială din Torino

Compania aeriană Blue Air, cu capital privat românesc, mizează în acest an pe afaceri de 300 de milioane euro după o creştere de peste 50% a numărului de pasageri şi extinderea reţelei mai mult »

Cei 1,1 milioane de români din Italia au trimis acasă 800 de milioane de euro în 2015 şi au plătit statului italian impozite de 600 de milioane de euro

În 2015 în Italia erau 1,1 milioane de români, cea mai mare comunitate fiind înregistrată la Roma, potrivit datelor publicate săptămâna trecută de Centrul Italian de Studii şi Cercetare IDOS în baza mai mult »

Departamentul Politici pentru Relația cu Românii de Pretutindeni : InterDiab, proiect de sănătate dedicat românilor din Italia

InterDiab (International Diabetes) este un proiect de sănătate intercultural dedicat populației de naționalitate română care locuiește în Italia, dezvoltat de Dr. Andreea Soare în urma a 10 ani de experiență internațională în mai mult »

Trei români au fost ARESTAŢI după ce au fost ACUZAŢI de complicitate la crima în Calabria

În Calabria, trei români – îngrijitori la circul Amedeo Orfei, unul dintre cele mai renumite din Europa – au fost arestați, după ce l-au ajutat pe nepotul proprietarilor să-și ucidă un rival. mai mult »

Ambasada României în Italia / Ambasciata di Romania in Italia : Ambasadorul României George Gabriel Bologan s-a întâlnit cu reprezentanţii comunităţii româneşti din Italia

Luni, 1 august 2016, Ambasadorul României în Republica Italiană, George Gabriel Bologan, s-a întâlnit la sediul Accademiei di Romania din Roma cu reprezentanţii comunităţii româneşti din Italia. În deschidere ambasadorul României a mai mult »

Ambasada României în Italia / Ambasciata di Romania in Italia : Noul ambasador al României în Italia, George Gabriel Bologan, într-un interviu acordat postului Radio România Actualități

„Aș prefera să vorbesc despre românii mei cu cuvinte frumoase pe care le aud – și subliniez – le aud cu fiecare ocazie cu care stau de vorbă cu un primar, un mai mult »

Bandă cu opt români şi un sard, lovitură la bancomat în aeroport, prada de 160.000 de euro

Se închide cercul în jurul bandei de jefuitori care pe 19 septembrie 2015 au atacat bancomatul din Aeroportul Alghero – Fertilia (Sardegna), punând mâna pe o pradă de 160.000 de euro. După mai mult »

Brânză din România, confiscată la Pistoia: 4.000 de roţi de brânză cu destinaţia Sardegna, valoare 300.000 de euro

Pe timpul unui control pe autostrada A1, de zilele trecute, la punctul de taxare autostradală din Montecatini, Poliţia Rutieră din Pistoia a pus sub sechestru 4.000 de roţi de brânză, gata să mai mult »

În Italia, se derulează proiectul Agrodiaspora

Proiectul AGRODIASPORA, lansat ieri, în Italia, va fi prezentat şi în alte ţări cu mari comunităţi de români.  La sesiunile de informare privind posibilităţile de accesare a fondurilor europene în domeniul agriculturii mai mult »

Dan Stoenescu, Ministru Pentru Românii de Pretutindeni „Organizam în Italia informari privind accesarea fondurilor europene pentru agricultura în România”

În perioada 8-10 iunie vom organiza în Italia sesiuni de informare privind posibilitățile de accesare a fondurilor europene în domeniul agriculturii în România. Acestea vor fi prezentate de experți din cadrul Ministerul mai mult »

Grigore Cartianu : Zbor spre Italia. Vin cu cărțile mele la întâlnirile cu românii din Bergamo și Verona

În această dimineață voi zbura spre Italia, pentru a-l reîntâlni pe prietenul Marinel Ciocan, cel împreună cu care în aprilie 2016 pozam într-o livadă de meri înfloriți. Voi veni cu cărțile mele mai mult »

Averea URIAȘĂ lăsată de o italiancă unui român. Ce a făcut bărbatul pentru atâția bani

Un român de 47 de ani a devenit bogat peste noapte, după ce o italincă i-a lăsat o avere impresionantă. Bărbatul avusese grijă de Paula Fagarazzi, în vârstă de 56 de ani, pentru mai bine de un deceniu.  Moștenirea mai mult »

 

«La fine dei Ceausescu». I fatti del 1989 ricostruiti da Grigore Cartianu

Per la prima volta dopo oltre vent’anni dal crollo del regime comunista romeno, l’Italia ha a disposizione la prima e più completa ricostruzione, precisa sin nel dettaglio, di quel lontano dicembre 1989. Si tratta de La fine dei Ceausescu. Morire ammazzati come bestie selvatiche, del giornalista romeno Grigore Cartianu (Aliberti, 2012, pp. 622, euro 18), tradotto e curato dallo scrivente.
Nemmeno in Romania, nonostante il profluvio di saggi composti dopo quell’anno e che ancora si stanno scrivendo e pubblicando, nessuno ha rivelato così tante notizie e sollevato così tante domande, come ha fatto Cartianu. Il quale – vale la pena ricordarlo – ha proseguito la sua indagine in altri due libri, cui ne seguirà un quarto, intitolati Crimele revolutiei (I crimini della rivoluzione) eTeroristii printre noi (I terroristi tra di noi), che ci auguriamo anch’essi potranno vedere la luce nel nostro Paese.
I primi due lavori, usciti entrambi nel 2010 presso le edizioni del quotidiano «Adevarul» di cui Cartianu è caporedattore, hanno venduto circa duecentomila copie, presenziando alle più importanti rassegne librarie della Romania e il libro appena apparso in Italia è già stato tradotto in diversi Paesi, tra cui Francia e Germania.
Dopo l’uscita del volume, l’autore si è trovato davanti, oltreché a un ingente sostegno da parte dei lettori, al fuoco di sbarramento di buona parte dei politici romeni protagonisti, diretti e indiretti, di quel lontano dicembre. Anzitutto di Ion Iliescu, primo presidente della Romania cosiddetta democratica, e tra i principali artefici di quello che ormai moltissimi definiscono non già rivoluzione bensì colpo di Stato.
Il lettore appassionato di storia e politica il quale però sia stato costretto a bere menzogne scritte e ripetute a ufo in questi oltre vent’anni, si avvedrà sin dalle prime pagine dell’inganno cui ogni mezzo di comunicazione, storici e giornalisti lo hanno imbrigliato e imbrogliato.
Tutto il mondo seguì, attraverso televisioni e giornali, i fatti accaduti in Romania nel dicembre 1989: la rivolta di Timisoara, l’ultimo discorso di Nicolae Ceausescu con al fianco la moglie Elena, poi la loro fuga, la cattura, il sommario processo e la morte per fucilazione. Poco meno d’un mese e mezzo avanti, a Berlino crollava il Muro. Due anni dopo, nel 1991, anche l’impero sovietico sarebbe franato. S’era chiusa un’epoca europea, ed era stata archiviata con la morte brutale dell’ultimo dittatore comunista d’Europa. Sono trascorsi oltre vent’anni da quegli episodi e tutto sembrava essere così come ci era stato raccontato in tempo reale. Nient’affatto: l’inganno era, come sempre, legge incontrovertibile. Purtuttavia la verità, ancorché infossata negli ipogei della storia dai vincitori, a poco a poco tende, come un corpo gettato in mare, a riemergere, ed esser così restituita ai legittimi proprietari per degna sepoltura.
Tra i molti risvolti inediti, veniamo a scoprire, per esempio, che la fine truculenta del dittatore era stata decisa da George Bush e Mihail Gorbaciov all’inizio di dicembre e contestualmente l’immagine dello statista sovietico sarà ridotta di molto e riportata, almeno in parte, alla sua giusta dimensione, politica e umana. Scopriremo inoltre che Ceausescu, in realtà, non fuggì mai dalla sede del Comitato centrale, ma fu costretto a scappare per poi essere incastrato e arrestato, così come verremo a sapere che Ion Iliescu, il socialista dal volto umano ma dall’animo diabolico, ricevette precisi ordini da Mosca, la quale, alla sua volta, prese direttive da Washington. E sorpresa nella sorpresa: il sanguinario dittatore, come è ancora definito, non era affatto sanguinario, anzi: pagò cara la sua tolleranza nei confronti degli oppositori politici interni.
Ma di più: il lettore conoscerà molto da vicino anche i protagonisti nascosti della truce avventura decembrista, quali militari e dirigenti del Partito comunista romeno i cui nomi, presso il grande pubblico italiano, non hanno mai avuto corso legale. Il libro è inoltre arricchito da una folta serie di Appendici in cui sono presenti tutti i documenti essenziali di quei tempestosi giorni, quali per esempio le riunioni d’emergenza del Comitato politico esecutivo, gli ultimi discorsi delConducator e la trascrizione completa dello stenogramma del cosiddetto processo.
Cartianu snuda menzogne e reticenze, svelando quello che non fu né rivoluzione di popolo, né naturale decorrere di eventi, bensì, semplicemente, lo ripetiamo, un colpo di Stato; e lo fa sulla base d’un decennio di ricerche. Con questo saggio, scritto in maniera agile e brillante, possiamo cogliere, sin nei minimi dettagli, come e perché siano stati liquidati il vecchio dittatore e la sua consorte e, in più, ottenere un quadro, tanto fosco quanto evidente nel suo intrigo, di quell’intera epoca europea. La fine dei Ceausescu è in buona sostanza un’inchiesta giornalistica che mette a punto e in chiaro una torbida faccenda che, di chiaro e preciso, non ebbe mai niente sin dall’inizio.
Il libro è ben lungi dall’essere una difesa politica di Nicolae Ceausescu (Cartianu è spietato nei confronti delConducator) perché, di fatto, non si tratta nemmeno di condannare o assolvere Ceausescu: bensì di fare in modo che studiosi e semplici lettori possano avere a disposizione tutti gli elementi necessari per giudicare ciò che per venti e più anni i magliari della storia occidentale hanno gabellato come verità e che scopriamo oggi per la prima volta essere una brutale menzogna. O, per esprimerci con la parola che lo stesso Conducator, ebbe il coraggio e la lucidità di pronunciare durante il «processo stalinista» cui fu sottoposto, una mascarada, ovvero una pagliacciata.
Il testo è completato da una mia Postfazione intitolata Il fango e la neve. Romania 1989-Duemila, in cui amplio e integro le testimonianze portate da Cartianu con una notevole serie d’ulteriori documenti e informazioni. Racconterò, per esempio, come e perché un notissimo giornalista italiano d’una grande testata nazionale, se ne andò via proprio a causa d’una pesante censura voluta da alcuni poteri forti e quale ruolo giocò la finanza mondiale nell’estromissione di Ceausescu.
Questo lavoro nel suo complesso costituisce il quadro definitivo di quegli eventi, che hanno segnato, in molteplici sensi, non solo la storia della Romania, ma altresì dell’Italia e di tutto il continente eurasiatico e le cui conseguenze viviamo e subiamo ancora oggi.
Alla fine della lettura, inoltre, non avremo incontrato solo il coté politico della faccenda, bensì anche quello umano, ché scoprire la verità su quegli accadimenti così centrali nella vita del Paese carpatico, sarà d’aiuto anche per comprendere la sofferenza d’un popolo costretto a emigrare in massa, abbandonando affetti e radici per cercare fortuna all’Ovest. Si stava meglio quando si stava peggio? Sì, no, forse, non tocca noi dare una risposta. Limitiamoci ad apprendere la verità dei fatti e a raccontarla con onestà. Gli animi onesti trarranno le loro dovute conclusioni.

Fonte: Orizzonti Culturali Italo Romeni

Comentarii

Comentarii

Lasă un răspuns

%d blogeri au apreciat: